Seleziona una pagina

Anche la viaggiatrice più esperta, nel momento in cui si trova ad affrontare il primo viaggio da neomamma, qualche preoccupazione ce l’ha.
Perché viaggiare con un neonato significa maggiore organizzazione, capacità ad adattarsi, e soprattutto disponibilità ad accettare (e mettersi il cuore in pace) che gli imprevisti – dalla semplice modifica di itinerario, ai capricci improvvisi a un cambio pannolino urgente – saranno all’ordine del giorno.

Ma viaggiare con un bimbo non è impossibile! La regola d’oro è: organizzazione!

Informarsi

Prima di partire, oltre alle consuete guide per conoscere la destinazione, frequenta gruppi di mamme viaggiatrici su Facebook. Scoprirai informazioni preziosissime da genitori che hanno già vissuto il viaggio che stai per fare. Troverai indicazioni di quartieri adatti ai bambini, di musei che riservano attenzioni ai più piccoli, ristoranti da non perdere e altre “chicche” che potrai conoscere solo con il passaparola tra mamme e papà viaggiatori.

Creare l’itinerario

Se viaggi con un bambino molto piccolo, forse l’on the road senza alcuna pianificazione può non essere la scelta migliore. Delinea un programma di massima delle giornate, considerando che con un bambino scoprirai il piacere del viaggiare con lentezza. Non inserire troppe attività o visite all’interno della stessa giornata, ma abbi cura di considerare il tempo per le pause, per far riposare il bambino e per godervi senza fretta il viaggio.

Ovviamente potrà accadere che in una giornata riuscirai a fare più cose di quelle previste e in altre invece un po’ di meno. Per questo il consiglio è di fare un elenco di 3 / 4 cose che assolutamente vuoi vedere in modo da non perderti quelle e nel caso rinunciare alle altre.

Cosa portare con sé

Se piove? Se fa caldo? Se c’è vento? E’ vero, l’istinto naturale di ogni mamma è di proteggere il proprio il bambino e quindi si potrebbe cadere nella tentazione di partire con tutto il suo guardaroba estate-inverno, ma si può ottimizzare la valigia anche di un neonato.
I body sono il capo d’abbigliamento più versatile: se fa caldo il bambino potrà rimanere in body e, al contrario, con il freddo e altri indumenti sopra, sarà ben protetto.
Accertati di averne a sufficienza, e comunque potrai sempre lavarli in un lavandino dove soggiornerai.
Se il tuo bimbo sbava o si sporca mangiando porta con te ampi bavaglioli: salveranno gran parte dei cambi.

Dove trovare parchi gioco

Se tuo figlio muove i primi passi o già addirittura corre, avrà bisogno in alcuni momenti della giornata di poter scendere dal passeggino e muoversi un po’, divertendosi.
Per questo puoi subito programmare delle pause in parchi gioco della località. Puoi per esempio utilizzare l’app PlayGroundAroundTheCorner, con la segnalazione e la valutazione dei parchi gioco d’Italia e non solo.
L’idea potrebbe essere di abbinare la pausa al parco giochi con un pranzo al sacco: soprattutto nei mesi primaverili è una soluzione che fa felice tutta la famiglia!

Dove cambiare il pannolino

Con Baby Pit Stoppers in pochi click visualizzerai la mappa dei luoghi (attività commerciali, ma anche musei, uffici, farmacie) in cui potrai comodamente allattare il tuo bambino e dove troverai un comodo fasciatoio a disposizione per i cambi.

Puoi collegarti al web app o scaricare l’app su dispositivi Android: in poco tempo saprai dove tu e il tuo bambino potete concedervi una pausa rilassante!

Hai altri suggerimenti?